Passa ai contenuti principali

LA PROPOSTA DI VALLE: LA COMUNITA' DEL LIBRO FACCIA IL SALONE DEL LIBRO

Non mi appassiona il canaio che si è puntualmente scatenato appena finito il Salone del Libro. Appartiene al folklore torinese - come il bicerin, la bagna caoda e, una volta, i fuochi di San Giovanni - anche quel tafazzismo autodistruttivo che da anni e anni appesta il Salone - come altre eccellenze nostre - e che prima o poi porterà alla rovina questa città di lemming. 
Quel che c'era da dire sui nuovi destini comunali della manifestazione l'ho scritto in tempi non sospetti. Quindi mi bastano le mie minchiate: quelle altrui non mi interessano.
Tuttavia, oggi ho ricevuto da Daniele Valle, il presidente della Commissione cultura regionale (quella segretissima che neanche la Spectre), una mail che mi ha incuriosito, perché contiene qualche elemento originale. Insolito: in genere i politici mi scrivono per lamentarsi, per polemizzare o per sparare cazzate.
In particolare, Valle propone di aprire una "discussione pubblica" sulla governance del Salone: seppure aliena al mio sentire antiassembleare, l'idea potrebbe essere interessante, se non addirittura utile. E mal che vada un dibbbattito ampio e condiviso e partecipato e diffuso mi regalerebbe momenti di vero spasso. Quindi ho deciso, in via del tutto eccezionale, di pubblicare la lettera di Valle.

La proposta di Valle

Caro Gabo,
approfitto dello spazio che vorrai concedermi per offrire una prospettiva diversa sul dibattito in corso sul futuro del Salone del Libro.
(Segue un paragrafo che non mi interessa, quindi lo casso. NdG)
Mi aiuta l'intervento di oggi di Bray e Lagioia (si riferisce a un articolo dei due uscito su La Stampa. NdG) in cui, difendendo la proposta della cabina di regia, puntano il dito sulla principale debolezza di quella proposta: la necessaria autonomia della manifestazione. Una autonomia già violata in questi due anni con l'imposizione dei direttori di Comune e Regione a turno, con evitabilissime conseguenze.
Una fondazione strumentale del Comune non offre queste garanzie proprio per la sua natura legittimamente strumentale alle politiche culturali della Città; inoltre non indica, come invece ritengo giusto fare, una specificità del libro e del suo ecosistema, anche in termini di priorità politica. Chi non legge, non ricerca neanche altri prodotti culturali.
Io penso che un soggetto organizzatore guidato dai protagonisti di quella comunità del libro che tutti invocano, indipendentemente dalle risorse con cui contribuiscono, sarebbe preferibile e garantirebbe quel pluralismo e quell'autonomia così necessari alla riuscita della manifestazione: Sindaca e Presidente, Città e Regione, sono pronti a sedersi allo stesso tavolo di editori, librai, biblioteche, scuole, rappresentanti dei territori, Circoscrizioni e Comuni, coinvolti dal Salone Off? Possibile che fra fondazioni, banche, imprese, Camera di Commercio non si trovi chi voglia investire e partecipare ad un evento che ha – anche – ricadute economiche pazzesche? Qualche mese fa alcuni di questi erano già pronti a intervenire o sbaglio?
[Nota bene: guidare per me vuol dire farlo formalmente, in un consiglio di amministrazione. Le cabine di regia e i comitati di conciliazione lasciano il tempo che trovano].
Insomma, non mi piace se paga la Regione e decide il Comune; mi piace se paga la Regione e non decide la Regione ma i rappresentanti di una comunità culturale, territoriale ed economica, con la Regione stessa e il Comune di Torino.
Non è dunque così peregrino immaginare che sul soggetto che organizzerà il prossimo Salone si apra una discussione pubblica, anche se a molti l'esito parrà scontato.
Questo è il nocciolo della lettera di Valle. Non mi sembra banale.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' DRAMMA SOCIALE: IN TREMILA PER 600 POSTI DI LAVORO GRATUITO

Due dei conduttori della trasmissione (tali Pausini e Cattelan). Costoro non sono volontari A prima vista, è una bellissima notizia: quasi tremila giovani torinesi maggiorenni hanno aderito nel giro di poche ore all'appello del Comune  che cerca seicento volontari da utilizzare, in occasione dell'Eurovision Song Contest, "per mansioni di supporto all'organizzazione delle attività gestite dalla Città", che comprendono "gestione flussi e servizi al pubblico interni alle sedi e nelle aree esterne, informazioni sulle sedi e turistiche, accoglienza delegazioni, presidi sala stampa e delegation area, accrediti, trasporti, attaché referenti per delegazioni, collaborazione in segreteria volontari, supporto organizzativo pre manifestazione". Fantastico, vien da dire. Altro che giovani apatici e fannulloni: questa è una gioventù entusiasta, piena di voglia di fare, generosa, pronta a impegnarsi per la propria città. Però riflettiamo un momento. Qui parliamo di tr

LA MINCHIATA E' TUTTA MIA

  Prevengo facili ironie e meritati pernacchi, e mi autodenuncio: nell'articolo uscito stamattina sul Corriere - articolo nel quale annuncio alcune new entries fra gli ospiti del prossimo Tff - sono incorso nella più clamorosa e classica epic fail: ho attribuito a Werner Herzog ciò che è di Wim Wenders, definendo Herzog "il regista del Cielo sopra Berlino".  Non ci sono  giustificazioni: che sia il frutto avvelenato di un momentary lapse of reason oppure di un permanente rincoglionimento, l'errore è inammissibile, oltre che ridicolo. La sciatteria non mi appartiene, ma stavolta me ne faccio carico: esistono perversi meccanismi della mente che non soltanto creano il lapsus calami, ma lo rendono anche invisibile alle successive riletture, trascinando lo sventurato autore nel baratro della minchiata fenomenale. Che posso dire? Niente. Ho sbagliato, chiedo scusa ai lettori, al giornale, a Herzog e a Wenders, accetto il crucifige e così sia.

SAN GIOVANNI, TORNANO I FUOCHI E NON SI RIDE PIU'

La Compagnia di San Giovanni: da sinistra Salerno, Purchia, Carretta e l'attento Lo Russo Tornano i fuochi d'artificio a San Giovanni. E vabbè, questo era scontato. Chiudiamo la straordinaria vicenda dei droni, ma non senza rimpianti: io personalmente rimpiangerò a lungo quella buffa epopea tecnosurrealista. In particolare mi resterà nel cuore l'irripetibile apoteosi del 2018 , allorché la sparuta pattuglia di due cento droni - ingaggiati dall'allora assessore (e futuro ministro, pensate un po'...) Paola Pisano a un costo aggirantesi sui 250-300 mila euro - delineò nel cielo su Torino, insieme ad altri pupazzetti da seconda elementare, una sagoma luminosa che, secondo la versione ufficiale, doveva raffigurare uno Shuttle, ma che agli occhi dei più apparve come un presagio degli anni a venire: un enorme cazzo in gloriosa erezione. Qualcuno rise. Non capiva, lo sventatello, verso quale obiettivo era lanciato il minaccioso pornoshuttle. L'epopea dei droni di San Gi