Passa ai contenuti principali

ARTE PER LE PERIFERIE: CHI FA E CHI CIANCIA

Barriera è un'associazione fondata nel 2007 da un gruppo di collezionisti d'arte contemporanea: in un'ex fabbrica di via Crescentino 25, nel cuore di Barriera di Milano, hanno aperto uno spazio espositivo, una sala incontri e un deposito di opere. Oltre alle mostre in sede, Barriera organizza anche attività in altri spazi. La domenica di Artissima uno non può perdersi il vernissage mattutino di Colazione a Barriera, l'appuntamento più piacevole dell'intero weekend dell'arte contemporanea: ti offrono cappuccio e brioscina e ti vedi le mostre. In genere interessanti. Quest'anno le mostre sono due: la doppia personale di "Collisions and Missing Parts" di Vadim Fishkin e Attila Csorgo; e "Les pommes des hommes", lavori di due giovani dell'Accademia torinese, Emanuele Marullo e Michele Rava. 
E' tutta roba molto concettuale: però non troppo difficile, dato che l'ho capita persino io. A Barriera le due mostre sono aperte fino al 15 novembre. Vale la pena di vederle. E vale la pena di vedere Barriera, così, per il gusto di vedere un modello concreto di arte per le periferie, dato che di arte per le periferie si ciancia tanto e se ne fa ben poca. Seriamente, voglio dire.
Ma Barriera non è l'unico esempio virtuoso di arte per le periferie. Spostiamoci dalla periferia nord a quella sud, alle arcate dell'ex Moi. Ma sì, proprio il famigerato ex-Moi. Devo ammettere che arrivando ti fa male al cuore, vedere quelle arcate così spettralmente deserte e fatiscenti, un altro dei tanti nostri sogni degenerati in incubi. Eppure proprio lì, in uno di padiglioni sotto quelle arcate, due trentenni torinesi, Ramona e Matteo, hanno deciso di allestire "Hanahana", mostra di Mélodie Mousset, un'artista francese che lavora con la realtà virtuale. L'installazione in pratica è una specie di videogioco che consente al visitatore di creare la sua "opera", che diventa parte di un'interminata e interminabile "opera collettiva". Ramona e Matteo vi spiegheranno la rava e la fava dell'intero progetto, che è molto serio e complesso e ha coinvolto anche i piccoli pazienti del vicino ospedale pediatrico: io manco mi ci provo, a spiegare, non sarei in grado, Però ho giocato anch'io, e mi sono divertito. Si divertono anche i ragazzini che abitano nelle vicine palazzine; e nell'insieme la mostra è un posto che trasmette serenità e normalità in un quartiere che ne ha un fottuto bisogno. Se non ci credete, andate a dare un'occhiata: è aperta al pomeriggio, fino al 15 novembre.
Le attività di Barriera sono sostenute dalla Fondazione Crt.
La mostra all'ex Moi è finanziata dalla Compagnia di San Paolo e dalla fondazione filantropica Alta Mane.
Non mi risultano contributi dal Comune.
L'arte per le periferie. Già.

P.S. Restando in tema, pubblico volentieri il seguente comunicato dell'ufficio stampa del Comune: "La Luce d’Artista di Valerio Berruti "Ancora una volta", installata quest'anno in via Giulia di Barolo nel tratto fra piazza Santa Giulia e corso Regina Margherita, a causa del maltempo in fase di montaggio ha subito danni al sistema illuminante. Per sostituire i tubi a led è necessario un intervento di manutenzione straordinaria che sarà completato entro la fine della prossima settimana. Al termine dei lavori l’opera verrà riaccesa". Emmenomale...

Commenti

Post popolari in questo blog

SEMPRE A FARE FIGURE DIMMERDA...

Ma era il caso? Così presentiamo piazza San Carlo ai visitatori in città per le ATP Finals Diciamocelo chiaro e tondo, che tanto è sotto gli occhi di tutti: abbiamo fatto un'altra figura dimmerda, E non parlo soltanto dell'inverecondo spettacolo offerto dalla (dis)organizzazione al PalaAlpitour.  Strano, però: de l comitato organizzatore - per l'esattezza "Commissione Tecnica di Gestione (CTG)" - presieduto dal presidente della Federazione Italiana Tennis Angelo Binaghi, facevano parte Paolo Damilano - in qualità di vicepresidente - in rappresentanza della Regione Piemonte, e Alberto Sacco in rappresentanza della Città di Torino. L'ex Assessore Triste e l'Uomo Che Volle Farsi Sindaco sono senz'altro una garanzia, non capisco come qualcosa sia andato storto... So much of cazzads: come ti cancello Palazzo Madama Ma la figura dimmerda la sta facendo la città intera agli occhi dei turisti-spettatori arrivati per le ATP Finals. "Una grande occasione

LA TRAGEDIA DI UN BUE VERDE

Fotografia dalla pagina Fb Boogia.net Torino: imbrattato Toret gigante appena installato (ANSA)- TORINO, 26 GIU - Inaugurato mercoledì dalla sindaca Appendino, il Toret gigante dell'artista Nicola Russo è già stato imbrattato. Nelle scorso ore sono comparse alcune scritte sull'installazione artistica. Bon, quando smettete di ridere, posso dire una cosa? Vi capisco: considerati i presupposti  - nonché l'evanescente entità del "danno" - la prima reazione, istintiva, è l'ilarità (titolo suggerito: "Audace colpo delle Brigate Buongusto"). La seconda reazione è un sospiro di sollievo: per fortuna in piazza non c'era una vera opera d'arte. Già peggio era andata nel 2017 con la Luce d'Artista sbattuta all'impronta in piazza Montale  (se non altro, l'incidente generò un esilarante dibattito ). Niente di paragonabile però ai problemi di Roma, dove in piazza hanno le opere d'arte vere . La ridicola conclusione della ridicola esibizion

LA CARRAMBATA DI SAN GIOVANNI

Separati dalla nascita: il toret Toh e, sotto, l'ippopotamino Pippo   Una commovente carrambata corona i festeggiamenti di San Giovanni 2021. Pippo, l'ippopotamino blu dei pannolini Chicco nato nella torinesissima agenzia di Armando Testa, rit rova il fratellino verde che non aveva mai conosciuto, il toret Toh. Come vedete nelle fotografie, la somiglianza fra le due creature è impressionante. Auspice della romanzesca riunione fra separati dalla nascita è il Comune di Torino, che la rende nota alla popolazione tutta con un comunicato che pubblico a edificazione delle masse e maggior gloria dei promotori dell'intervento artistico. Ispirandosi ai Toret, l'artista Nicola Russo ha creato tre installazioni simbolo della volontà di rinascita della città dopo il lungo lockdown e le ha donate alla città di Torino (molto gentile, ma non doveva disturbarsi: bastava un bigliettino d'auguri, se proprio proprio ci teneva... NdG) . Il 23 giugno saranno inaugurate in tre punti del