Passa ai contenuti principali

SCOPRIRE UN LIBRO AL SALONE: OVVERO, L'OZIO PREMIATO

"Prima pagina". L'uomo che ha diretto questo capolavoro era anche un genio del gonzo journalism. Mezzo secolo prima del gonzo journalism
Oggi proprio non ne avevo voglia. Non avevo voglia di Salone. Di occuparmi del Salone, di scrivere del Salone. Il terzo giorno è micidiale, la noia ti fulmina.
Per mia buona sorte, godo del privilegio di fare quel che più mi garba, e quindi ho fatto ciò che più mi garba: ciondolare.
Ciondolare al Salone non è malaccio. Capita persino scoprire qualcosa che vale la pena di scoprire.

Billy Wilder, venerato maestro di gonzo journalism

A me è capitato a mezzodì: due amici, Steve Della Casa e Renzo Ventavoli, presentavano allo Spazio Autori un libro pubblicato dalla torinese Lindau: una raccolta di scritti giornalistici di Billy Wilder. Proprio il Billy Wilder regista, quello di "A qualcuno piace caldo", "Viale del tramonto", "Prima pagina". Un benefattore dell'umanità.
Beh, ignoravo che da giovane, nella Berlino degli Anni Venti, prima di darsi al cinema Wilder sbarcasse il lunario scrivendo articoli e reportage per i quotidiani. Adesso quegli articoli sono stati raccolti in "Il Principe di Galles è in vacanza", il libro di cui vi dicevo e che ho scoperto soltanto in virtù della mia odierna voglia di ciondolare. L'ozio è stato giustamente premiato. Se avessi deciso di occuparmi delle fole salonistiche (con una o due elle, va bene lo stesso) ne avrei forse ignorato per sempre l'esistenza, privandomi così di uno dei maggiori piaceri dei primi mesi del 2017.
E invece vado alla presentazione, apro il libro e mi ritrovo in paradiso. Ragazzi, Wilder era un genio anche come giornalista! Ti sembra di leggere un Tom Wolfe ante litteram o un Truman Capote berlinese; il Truman Capote di "Musica per camaleonti", voglio dire. Modernissimo, appassionante, divertente.  Per usare un riferimento più recente, Billy Wilder è esattamente ciò che oggi definiresti un "gonzo journalist": si cala nella sua storia e te la racconta in presa diretta,  con la stessa ironia e la stessa meravigliosa mancanza di neutralità che ho adorato nei suoi film. Leggetevi anche soltanto il pezzo che dà il titolo al libro e poi ditemi se non paghereste volentieri il prezzo di un giornale che pubblica articoli simili. Di sicuro, il libro i suoi 18 euro li vale tutti.
Insomma, volevo farvelo sapere. Tra tanti libri del Salone, ho trovato il mio. E così spero di voi.

La domenica dei cantautori

Domani torno al Lingotto: ci sono De Gregori e Venditti e Vecchioni
Venditti lo presento io, alle 14,30 in Sala 500: a distanza di sette anni da "L'importante è che tu sia infelice", Antonello ha appena pubblicato "Nella notte di Roma", un romanzo che è anche un saggio e una dichiarazione d'amore e odio per Roma. L'ho letto d'un fiato. Non sono romano e non conosco Roma, ma mi ha preso lo stesso: perché Roma è l'Italia, solo un po' più complicata e più irritante. 
Quanto a De Gregori, presenta a mezzogiorno in Sala Gialla "A passo d'uomo", il suo libro-intervista con Antonio Gnoli. Però c'è pure il suo capobanda, Guido Guglielminetti, che alle 17 nello Spazio Editori del Piemonte, partecipa alla presentazione di "Guarda che non sono io", sontuoso "racconto in fotografie e parole" su Francesco e la sua storia, pubblicato da Sv Press: verrà proiettato il documentario sul "Vivavoce Tour".
Vecchioni arriva invece alle 19 in Sala Gialla con il suo nuovo libro "La vita che si ama", mentre alle 20 in Sala Blu Luca Beatrice parla di Lucio Dalla e di come lo ha raccontato nella biografia "Per i ladri e le puttane sono Gesùbambino".

Commenti

Post popolari in questo blog

LA MINCHIATA E' TUTTA MIA

  Prevengo facili ironie e meritati pernacchi, e mi autodenuncio: nell'articolo uscito stamattina sul Corriere - articolo nel quale annuncio alcune new entries fra gli ospiti del prossimo Tff - sono incorso nella più clamorosa e classica epic fail: ho attribuito a Werner Herzog ciò che è di Wim Wenders, definendo Herzog "il regista del Cielo sopra Berlino".  Non ci sono  giustificazioni: che sia il frutto avvelenato di un momentary lapse of reason oppure di un permanente rincoglionimento, l'errore è inammissibile, oltre che ridicolo. La sciatteria non mi appartiene, ma stavolta me ne faccio carico: esistono perversi meccanismi della mente che non soltanto creano il lapsus calami, ma lo rendono anche invisibile alle successive riletture, trascinando lo sventurato autore nel baratro della minchiata fenomenale. Che posso dire? Niente. Ho sbagliato, chiedo scusa ai lettori, al giornale, a Herzog e a Wenders, accetto il crucifige e così sia.

SAN GIOVANNI, TORNANO I FUOCHI E NON SI RIDE PIU'

La Compagnia di San Giovanni: da sinistra Salerno, Purchia, Carretta e l'attento Lo Russo Tornano i fuochi d'artificio a San Giovanni. E vabbè, questo era scontato. Chiudiamo la straordinaria vicenda dei droni, ma non senza rimpianti: io personalmente rimpiangerò a lungo quella buffa epopea tecnosurrealista. In particolare mi resterà nel cuore l'irripetibile apoteosi del 2018 , allorché la sparuta pattuglia di due cento droni - ingaggiati dall'allora assessore (e futuro ministro, pensate un po'...) Paola Pisano a un costo aggirantesi sui 250-300 mila euro - delineò nel cielo su Torino, insieme ad altri pupazzetti da seconda elementare, una sagoma luminosa che, secondo la versione ufficiale, doveva raffigurare uno Shuttle, ma che agli occhi dei più apparve come un presagio degli anni a venire: un enorme cazzo in gloriosa erezione. Qualcuno rise. Non capiva, lo sventatello, verso quale obiettivo era lanciato il minaccioso pornoshuttle. L'epopea dei droni di San Gi

WHAT A CIRCUS, WHAT A SHOW: C'E' EUROVISION, TIRIAMOCELA ALLA GRANDE

Oh what a circus: un autocompiaciuto schieramento per celebrare l'avvento dell'Eurosong Oh what a circus, oh what a show , canta Banderas in Evita . Stamattina - forse suggestionato dalla versione inglese ("Torino, what a show!") del geniale slogan "Torino che spettacolo!" - mi sentivo molto Banderas, durante l'inaugurazione della sala stampa dell'Eurovision esoticamente chiamata "media center" e allestita nella corte medievale di Palazzo Madama; e sì, potete scommetterci, i giornalisti non hanno mai visto una sala stampa così aulica e suggestiva, una location che lo stanzone dell'Ariston je spiccia er bagno, date retta a un cretino che in quello stanzone ci è invecchiato.  La più bella sala stampa di sempre, a Palazzo Madama Quindi ok, la sala stampa dell'Eurovision è una figata mai vista (peccato che per arrivarci i giornalisti debbano passare sotto i ponteggi della facciata, che non è un bel vedere...). Ora: il paragone con l