Passa ai contenuti principali

MUSEI: RIPARTENZA IN ORDINE SPARSO

Dopo le prime ripartenze dei giorni scorsi, la prossima settimana dovrebbero riaprire tutti o quasi tutti i musei, in vista della festa del 2 Giugno, il fatidico "open day" fissato da qualcuno in virtù non so di quali cabale. Ma resta qualche criticità.
La Fondazione Torino Musei ha fissato un cronoprogramma di massima con aperture scaglionate. Giovedì 28 maggio comincerà Palazzo Madama: la mostra di Mantegna è ancora visitabile, fino al 20 luglio, ma alcune opere provenienti da altri musei mancheranno perché i prestiti non sono stati prorogati. Dal 2 luglio, inoltre, è prevista la mostra degli argenti antichi, già programmata per marzo.
Venerdì 29 dovrebbe toccare alla Gam: uso il condizionale poiché per rispettare i protocolli di sicurezza restano ancora da superare alcuni problemi tecnici, pare legati al ricircolo dell'aria. Sabato 30, infine, sarà la volta del Mao. Tutti e tre i musei saranno aperti con orario ridotto e soltanto per 4 giorni alla settimana (che probabilmente varieranno da musei a museo).
A proposito di Fondazione Torino Musei: aggiungo, fra parentesi, che non si ha ancora nessuna notizia del bando per la nomina di un nuovo direttore di Palazzo Madama, sede vacante dallo scorso settembre quando Guido Curto si è trasferito alla Reggia di Venaria. E mi permetto sommessamente di ricordare a quanti fossero interessati che a fine anno scadrà anche il mandato (già prorogato in piena emergenza covid) di Marco Guglielminotti alla direzione del Mao. Con un po' di perseveranza, a questo punto potremmo tirare avanti fino ad aprile dell'anno prossimo, quando scadrà pure Passoni alla Gam: così metteremmo a segno un bel terno secco sulla ruota di Torino con tre musei senza direttore. Un record da Guinness.
Torniamo ai musei che ripartono. Nessun problema per il Museo della Montagna, che riapre martedì 26 con le mostre "Qui c'è un mondo fantastico" e "Sulle tracce dei ghiacciai". Orario consueto 10-18 dal martedì alla domenica. La prenotazione non è necessaria, la mascherina sì.
Nel prossimo weekend, infine, riapriranno (o almeno così si spera) tutti gli altri; dalla Venaria, che dopo i Giardini, visitabili da ieri, sabato (e oggi sono stati staccati 800 biglietti), il 30 maggio darà libero accesso alla Reggia e alla mostra Sfida al Barocco; all'Egizio e al Museo del Cinema, che apriranno giusto in tempo per il 2 giugno. Molti, però, per il momento saranno visitabili 3-4 giorni la settimana, perlopiù nei weekend.

Commenti

Post popolari in questo blog

SEMPRE A FARE FIGURE DIMMERDA...

Ma era il caso? Così presentiamo piazza San Carlo ai visitatori in città per le ATP Finals Diciamocelo chiaro e tondo, che tanto è sotto gli occhi di tutti: abbiamo fatto un'altra figura dimmerda, E non parlo soltanto dell'inverecondo spettacolo offerto dalla (dis)organizzazione al PalaAlpitour.  Strano, però: de l comitato organizzatore - per l'esattezza "Commissione Tecnica di Gestione (CTG)" - presieduto dal presidente della Federazione Italiana Tennis Angelo Binaghi, facevano parte Paolo Damilano - in qualità di vicepresidente - in rappresentanza della Regione Piemonte, e Alberto Sacco in rappresentanza della Città di Torino. L'ex Assessore Triste e l'Uomo Che Volle Farsi Sindaco sono senz'altro una garanzia, non capisco come qualcosa sia andato storto... So much of cazzads: come ti cancello Palazzo Madama Ma la figura dimmerda la sta facendo la città intera agli occhi dei turisti-spettatori arrivati per le ATP Finals. "Una grande occasione

LA TRAGEDIA DI UN BUE VERDE

Fotografia dalla pagina Fb Boogia.net Torino: imbrattato Toret gigante appena installato (ANSA)- TORINO, 26 GIU - Inaugurato mercoledì dalla sindaca Appendino, il Toret gigante dell'artista Nicola Russo è già stato imbrattato. Nelle scorso ore sono comparse alcune scritte sull'installazione artistica. Bon, quando smettete di ridere, posso dire una cosa? Vi capisco: considerati i presupposti  - nonché l'evanescente entità del "danno" - la prima reazione, istintiva, è l'ilarità (titolo suggerito: "Audace colpo delle Brigate Buongusto"). La seconda reazione è un sospiro di sollievo: per fortuna in piazza non c'era una vera opera d'arte. Già peggio era andata nel 2017 con la Luce d'Artista sbattuta all'impronta in piazza Montale  (se non altro, l'incidente generò un esilarante dibattito ). Niente di paragonabile però ai problemi di Roma, dove in piazza hanno le opere d'arte vere . La ridicola conclusione della ridicola esibizion

CHIARABELLA, LE COLPE DEGLI ALTRI E IL FARDELLO DEI SINDACI

Non mi interessa gran che, il bailamme per la sentenza di piazza San Carlo . Una sentenza è una sentenza, chiusa lì. Resta l'infinito dolore per tanta sofferenza di chi non c'è più e di chi resta: un dolore che nessuna sentenza potrà sanare. E resta il giudice supremo della coscienza, per chi una coscienza ce l'ha. La politica non c'entra, e non ci sarebbe motivo per spendere altre parole a commento di una stagione che si trascina stancamente verso il termine prefessato.  Ma anche sul viale del tramonto Chiarabella riesce ancora a irritarmi con quello che ho sempre considerato il suo vizietto inescusabile: buttarla nel culo al prossimo, pur di salvare il proprio. Dopo il verdetto, il quasi ex sindaco scrive su Facebook : "Una banda di quattro rapinatori, armati di spray urticante, si introdusse in mezzo alla folla e lo spruzzò per rubare collane e orologi. Questo gesto scellerato scatenò il caos". Capito? E' colpa dei rapinatori. Mi ricorda Belushi in Blue