Passa ai contenuti principali

MUSEI: RIPARTENZA IN ORDINE SPARSO

Dopo le prime ripartenze dei giorni scorsi, la prossima settimana dovrebbero riaprire tutti o quasi tutti i musei, in vista della festa del 2 Giugno, il fatidico "open day" fissato da qualcuno in virtù non so di quali cabale. Ma resta qualche criticità.
La Fondazione Torino Musei ha fissato un cronoprogramma di massima con aperture scaglionate. Giovedì 28 maggio comincerà Palazzo Madama: la mostra di Mantegna è ancora visitabile, fino al 20 luglio, ma alcune opere provenienti da altri musei mancheranno perché i prestiti non sono stati prorogati. Dal 2 luglio, inoltre, è prevista la mostra degli argenti antichi, già programmata per marzo.
Venerdì 29 dovrebbe toccare alla Gam: uso il condizionale poiché per rispettare i protocolli di sicurezza restano ancora da superare alcuni problemi tecnici, pare legati al ricircolo dell'aria. Sabato 30, infine, sarà la volta del Mao. Tutti e tre i musei saranno aperti con orario ridotto e soltanto per 4 giorni alla settimana (che probabilmente varieranno da musei a museo).
A proposito di Fondazione Torino Musei: aggiungo, fra parentesi, che non si ha ancora nessuna notizia del bando per la nomina di un nuovo direttore di Palazzo Madama, sede vacante dallo scorso settembre quando Guido Curto si è trasferito alla Reggia di Venaria. E mi permetto sommessamente di ricordare a quanti fossero interessati che a fine anno scadrà anche il mandato (già prorogato in piena emergenza covid) di Marco Guglielminotti alla direzione del Mao. Con un po' di perseveranza, a questo punto potremmo tirare avanti fino ad aprile dell'anno prossimo, quando scadrà pure Passoni alla Gam: così metteremmo a segno un bel terno secco sulla ruota di Torino con tre musei senza direttore. Un record da Guinness.
Torniamo ai musei che ripartono. Nessun problema per il Museo della Montagna, che riapre martedì 26 con le mostre "Qui c'è un mondo fantastico" e "Sulle tracce dei ghiacciai". Orario consueto 10-18 dal martedì alla domenica. La prenotazione non è necessaria, la mascherina sì.
Nel prossimo weekend, infine, riapriranno (o almeno così si spera) tutti gli altri; dalla Venaria, che dopo i Giardini, visitabili da ieri, sabato (e oggi sono stati staccati 800 biglietti), il 30 maggio darà libero accesso alla Reggia e alla mostra Sfida al Barocco; all'Egizio e al Museo del Cinema, che apriranno giusto in tempo per il 2 giugno. Molti, però, per il momento saranno visitabili 3-4 giorni la settimana, perlopiù nei weekend.

Commenti

Post popolari in questo blog

SEMPRE A FARE FIGURE DIMMERDA...

Ma era il caso? Così presentiamo piazza San Carlo ai visitatori in città per le ATP Finals Diciamocelo chiaro e tondo, che tanto è sotto gli occhi di tutti: abbiamo fatto un'altra figura dimmerda, E non parlo soltanto dell'inverecondo spettacolo offerto dalla (dis)organizzazione al PalaAlpitour.  Strano, però: de l comitato organizzatore - per l'esattezza "Commissione Tecnica di Gestione (CTG)" - presieduto dal presidente della Federazione Italiana Tennis Angelo Binaghi, facevano parte Paolo Damilano - in qualità di vicepresidente - in rappresentanza della Regione Piemonte, e Alberto Sacco in rappresentanza della Città di Torino. L'ex Assessore Triste e l'Uomo Che Volle Farsi Sindaco sono senz'altro una garanzia, non capisco come qualcosa sia andato storto... So much of cazzads: come ti cancello Palazzo Madama Ma la figura dimmerda la sta facendo la città intera agli occhi dei turisti-spettatori arrivati per le ATP Finals. "Una grande occasione

LA PROVA DEL GEOLOGO

Lo Russo in una ormai rara fotografia con la barba da evaso, sacrificata per piacere di più agli elettori Centocinquantamila visitatori al Salone del Libro, centosessantottomila voti per Stefano Lo Russo. Non so se essere più felice per il Salone, o più depresso per la democrazia rappresentativa.  Nel mio commento di fine Salone, sul Corriere di stamattina , scrivo: "Ai torinesi il Salone ispira fiducia, entusiasmo, senso di appartenenza: la politica non più. Il Salone è riuscito là dove da tempo la politica fallisce: ha costruito e rafforzato un patto con i cittadini, che oggi lo considerano cosa loro, se ne sentono parte, ne vanno orgogliosi". Che poi capisco tutto, capisco la disaffezione e il disinteresse per un'alternativa che a molti sembrava inesistente: su diversi punti le differenze fra i due finalisti erano meno marcate dei punti di convergenza ( "e l'uno l'altro sbeffeggiava e l'altro l'uno ricambiava, pur descrivendo alla rinfusa due volti

E' DRAMMA SOCIALE: IN TREMILA PER 600 POSTI DI LAVORO GRATUITO

Due dei conduttori della trasmissione (tali Pausini e Cattelan). Costoro non sono volontari A prima vista, è una bellissima notizia: quasi tremila giovani torinesi maggiorenni hanno aderito nel giro di poche ore all'appello del Comune  che cerca seicento volontari da utilizzare, in occasione dell'Eurovision Song Contest, "per mansioni di supporto all'organizzazione delle attività gestite dalla Città", che comprendono "gestione flussi e servizi al pubblico interni alle sedi e nelle aree esterne, informazioni sulle sedi e turistiche, accoglienza delegazioni, presidi sala stampa e delegation area, accrediti, trasporti, attaché referenti per delegazioni, collaborazione in segreteria volontari, supporto organizzativo pre manifestazione". Fantastico, vien da dire. Altro che giovani apatici e fannulloni: questa è una gioventù entusiasta, piena di voglia di fare, generosa, pronta a impegnarsi per la propria città. Però riflettiamo un momento. Qui parliamo di tr