Passa ai contenuti principali

LA NOTTE DI PIERO

Pelù (di spalle) incontra il filo-palestinese (a centro)
E all'una e mezza esce dal backstage per salutare i fans
Che notte, stanotte, per Piero Pelù: i cinquantamila di Traffic in piazza San Carlo lo hanno gasato più che mai. Una platea oceanica per un concerto dei Litfiba davvero extra-ordinario, e lui protagonista totale - la gente aveva occhi solo per Piè-ro Piè-ro, temo con effetti devastanti sull'ego di Ghigo... - con tutte le implicazioni del caso. A cominciare dall'incontro con il tizio dei comitati filo-Palestinesi, che Piero ha autorizzato a salire sul palco e lanciare un appello (concordato fin nelle virgole) per la pace a Gaza e il boicottaggio economico di Israele; conseguente bandiera palestinese on stage; e immancabile sparata contro il "colpo di Stato" del concittadino Renzi, punto fisso del repertorio di Pelù da qualche tempo a questa parte. Al di là degli aspetti folklorico-politici, comunque, i Litfiba hanno sfornato una prestazione memorabile. E adrenalinica al punto che, finito lo show, Pelù è rimasto nel backstage fino all'ora beata, per smaltire l'eccitazione. Ha lasciato il camerino solo verso l'una e mezza, e s'è concesso un'ultima Pierata: è uscito a sorpresa a salutare i fans che, fedelissimi, stazionavano ancora abbarbicati alle transenne sul retro dell'area palco. A


utografi e selfies per tutti, a premiare tanta costanza.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' DRAMMA SOCIALE: IN TREMILA PER 600 POSTI DI LAVORO GRATUITO

Due dei conduttori della trasmissione (tali Pausini e Cattelan). Costoro non sono volontari A prima vista, è una bellissima notizia: quasi tremila giovani torinesi maggiorenni hanno aderito nel giro di poche ore all'appello del Comune  che cerca seicento volontari da utilizzare, in occasione dell'Eurovision Song Contest, "per mansioni di supporto all'organizzazione delle attività gestite dalla Città", che comprendono "gestione flussi e servizi al pubblico interni alle sedi e nelle aree esterne, informazioni sulle sedi e turistiche, accoglienza delegazioni, presidi sala stampa e delegation area, accrediti, trasporti, attaché referenti per delegazioni, collaborazione in segreteria volontari, supporto organizzativo pre manifestazione". Fantastico, vien da dire. Altro che giovani apatici e fannulloni: questa è una gioventù entusiasta, piena di voglia di fare, generosa, pronta a impegnarsi per la propria città. Però riflettiamo un momento. Qui parliamo di tr

LA MINCHIATA E' TUTTA MIA

  Prevengo facili ironie e meritati pernacchi, e mi autodenuncio: nell'articolo uscito stamattina sul Corriere - articolo nel quale annuncio alcune new entries fra gli ospiti del prossimo Tff - sono incorso nella più clamorosa e classica epic fail: ho attribuito a Werner Herzog ciò che è di Wim Wenders, definendo Herzog "il regista del Cielo sopra Berlino".  Non ci sono  giustificazioni: che sia il frutto avvelenato di un momentary lapse of reason oppure di un permanente rincoglionimento, l'errore è inammissibile, oltre che ridicolo. La sciatteria non mi appartiene, ma stavolta me ne faccio carico: esistono perversi meccanismi della mente che non soltanto creano il lapsus calami, ma lo rendono anche invisibile alle successive riletture, trascinando lo sventurato autore nel baratro della minchiata fenomenale. Che posso dire? Niente. Ho sbagliato, chiedo scusa ai lettori, al giornale, a Herzog e a Wenders, accetto il crucifige e così sia.

SAN GIOVANNI, TORNANO I FUOCHI E NON SI RIDE PIU'

La Compagnia di San Giovanni: da sinistra Salerno, Purchia, Carretta e l'attento Lo Russo Tornano i fuochi d'artificio a San Giovanni. E vabbè, questo era scontato. Chiudiamo la straordinaria vicenda dei droni, ma non senza rimpianti: io personalmente rimpiangerò a lungo quella buffa epopea tecnosurrealista. In particolare mi resterà nel cuore l'irripetibile apoteosi del 2018 , allorché la sparuta pattuglia di due cento droni - ingaggiati dall'allora assessore (e futuro ministro, pensate un po'...) Paola Pisano a un costo aggirantesi sui 250-300 mila euro - delineò nel cielo su Torino, insieme ad altri pupazzetti da seconda elementare, una sagoma luminosa che, secondo la versione ufficiale, doveva raffigurare uno Shuttle, ma che agli occhi dei più apparve come un presagio degli anni a venire: un enorme cazzo in gloriosa erezione. Qualcuno rise. Non capiva, lo sventatello, verso quale obiettivo era lanciato il minaccioso pornoshuttle. L'epopea dei droni di San Gi